Categoria Archivi: Bordello documentario

Trucchi sessuali mappa prostitute roma

trucchi sessuali mappa prostitute roma

nazionale sullaccoglienza per i richiedenti asilo. Ecosa molto probabilmente sta accadendo altrove in Italia. Da questo meccanismo nessuno si senta escluso, le mazzette trovate nelle buste con il logo di Roma Capitale ci riguardano, perché Roma Capitale siamo noi. In questo Paese che non è capace di difendere il talento e limpegno, dove tutti odiano tutti, dove tutti detestano chi ce la fa, in questo Paese tra il mondo dei vivi che sta sopra. Cè poco, dunque, da ironizzare sulla «mafiosità» della banda romana: non si tratta di ladruncoli né di mariuoli di antica memoria. Approdano nelle file del Msi molti altissimi ufficiali: dal generale Giovanni De Lorenzo (quello del Piano Solo, 1964) allammiraglio Gino Birindelli. Addirittura chi piazzava le microspie per conto della procura, provvedeva - immediatamente dopo - a bonificare gli ambienti, vanificando il lavoro investigativo. Anche in quel caso la «rete» mafiosa non ha avuto bisogno di esercitare particolare violenza: tutto andava liscio grazie alla benevola attenzione dei burocrati della sanità e di politici non di primissimo piano, ma non per questo poco efficaci. Questa è la teoria del Mondo di mezzo di Carminati non portata alle estreme conseguenze, ma applicata a tutti noi. E allora noi da che parte stiamo? Sarebbe lungo lelenco delle storie che si potrebbero ricordare. Non è casuale, poi, che linchiesta siciliana sulla corruzione abbia avuto un risvolto di mafiosità non indifferente, visto che si è scoperto che cerano investigatori (poliziotti, finanzieri e carabinieri) che informavano in tempo reale Aiello, e dunque Provenzano, dello stato delle indagini. Possono farlo perché in Italia ciò che si rifiuta e rifugge non è il rapporto con chi tutto sommato è peggio di noi, ma con chi è meglio. Ancor più forte la nostalgia di Marcello Veneziani, per una destra che per anni si è vantata della sua diversità, che propugnava lalternativa al sistema e ripeteva con Almirante che dalle tasche di Mussolini appeso in piazzale Loreto non è caduto un soldo. E i primi a crederci sembrano essere proprio i magistrati inquirenti che nei provvedimenti restrittivi non si sono limitati a fare ricorso all«aggravante mafiosa ma hanno addirittura ipotizzato il «416 bis cioè lassociazione per delinquere di tipo mafioso. E invece a Buzzi e Carminati la politica dà massima fiducia senza chiedere in cambio nessuna trasparenza. IL mito della destra esclusa pulita (e anche antimafia) si nutre delle storie di tanti militanti onesti, ancorché fascisti, e anche di figure limpide come quella di Paolo Borsellino. Ma la cosa più interessante è che leggendo le carte dellinchiesta si ha la sensazione che nessuno abbia reale consapevolezza del proprio status di corrotto. trucchi sessuali mappa prostitute roma

    Fler artiklar

0 Commento su "Trucchi sessuali mappa prostitute roma"

Commento

Indirizzo e-mail non è pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *